Da tre medicinali al cocktail più famoso e bevuto al mondo..il gin tonic!

A differenza di molti cocktail classici o di alcuni elementari distillati, il Gin tonic ha una storia ben chiara e precisa. Come facciamo ad esserne certe? Semplice! Tutti i componenti del cocktail sono stati inventati da medici, gli unici a tenere un registro abbastanza completo delle loro ricerche e scoperte.

Iniziamo dal gin, o “jenever” (ginepro in olandese). Nel 1650, in Olanda, il medico Franciscus de la Boe stava studiando un modo per far assimilare ai suoi pazienti le bacche di ginepro, utili per la circolazione sanguigna. Unendo il ginepro con diverse altre erbe, creò questo distillato, che, in breve tempo, venne trascurato per i sui benefici ma apprezzato per i suoi effetti inebrianti.

La storia ed i suoi eventi portarono gli olandesi a collaborare con gli inglesi e quindi a dividere i viveri  compreso il jenever. Gli inglesi ne crearono una loro versione e a mano a mano il distillato prese il nome “gin”.

Tempo dopo, più precisamente nel 1736, gli inglesi scoprirono gli effetti benefici della corteccia di chinchona, ottimo per il trattamento della malaria. Il dottor George Cleghon iniziò a portare a ovunque il suo “tonico” al chinino e così, nei secoli successivi, si diffuse in tutto il mondo.

Nel 1794 il chimico tedesco Jacob Schweppe, sempre per scopi medici, creò la soda. Unì l’acqua tonica con dolcificante e anidride carbonica, creando il primo soft drink.

Gli inglesi intrapresero la conquista dell’India e proprio durante questi viaggi si notò che i mariani si ammalavano sempre più spesso. Il chirurgo James Lind ordinò che su ogni nave ci dovevano essere diverse scorte di lime, proprio perché ricchi di vitamina C.

E così la scoperta di questi tre medicinali e la loro miscelazione, hanno creato quello che oggi è un classico tra i drink: il gin tonic!

Oggi lo possiamo trovare in diverse varianti, i bartender si divertono a creare diversi modi per sprigionare l’intenso gusto del gin ad esempio aggiungendo pepe rosa, cardamomo, cetrioli o addirittura basilico o rosmarino.

È un piacere trovare chi ha passione nel preparare questo storico drink, a Varese in via S. Martino troviamo il mitico bar Te Capì dove si possono trovare 40 tipi di gin differenti, diverse toniche e grande amore per questo cocktail. Se siete appassionati di questo drink proprio nel cuore della cittá è possibile gustare un ottimo gin tonic preparato con tutti i giusti criteri.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *